Ultimi battiti di un collega

 

Poesia dedicata agli ultimi istanti di vita del mio collega
 
 
 
L’URTIMA ORA
 
 
L’urtima ora, cquantu la timia,
 ma cquantu la ulìa.
La fine,
ti queddra strata,
chiena, ti luce eterna,
era rriata.
L’aria sintia cce’ sta succidia,
tanta gente, pricandu rriava,
la chiazza inchia.
Cce’ pace si sintia,
chianu, chianu, salia.
Tutti ticianu recumaterne e ave marie,
pur lu agnone chiangia.
Idrru stisu, ncora la manu cutulava,
l’urtimu salutu a tutti mandava.
Spittava quetu,
ci l’era pigghare,
ca sapia ddrò l’era, purtare.
Ti coste a lla Matonna sua era scire,
ca chiùi sulu nò sèra sìntire.

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!